Premium Sport

Ciclismo, Gand-Wevelgem: Viviani perde la volata e piange a dirotto

L'azzurro battuto dal campione del mondo Sagan allo sprint: sarebbe stato il suo primo trionfo in una delle grandi classiche

  • TTT
  • Condividi



L'emozione che regala Elia Viviani alla fine della Gand-Wevelgem resterà comunque scolpita nella mente degli appassionati: poteva essere il suo primo trionfo in una grande classica, di quelli che consacrano le trasformazioni da buoni corridori a campioni, la gara si chiude con il suo pianto. Scorrono fiumi di lacrime e Viviani, ancora seduto sulla sua bici, non riesce a smettere. Ha vinto un oro olimpico in pista nel 2016, ma alzare le braccia al cielo qui avrebbe avuto un altro significato per la sua carriera.

Viviani, invece, sbatte i pugni contro il manubrio, carico di rabbia: ha scelto il lato opposto rispetto a Peter Sagan, prendendo la ruota di Demare: ha superato il francese, ma sulla sinistra il campione del mondo l'ha spuntata nettamente. Per lo slovacco è la terza Gand-Wevelgem, per Viviani l'appuntamento con la storia è rimandato. Restano le lacrime di uno che ha dato tutto e che ha perso.