Premium Sport

Mondiali Budapest, doppio bronzo per l'Italia

Arianna Bridi terza nella 10 km di fondo, Giovanni Tocci sul podio nel trampolino da 1 metro. E il Setterosa debutta alla grande

  • TTT
  • Condividi

L'Italia del fondo e dei tuffi non delude mai e dopo l'argento di Mario Sanzullo, sabato nella 5 km, i Mondiali di nuoto in corso a Budapest hanno regalato agli azzurri altre due medaglie: i bronzi di Arianna Bridi, terza nella 10 km e di Giovanni Tocci, terzo nel trampolino da un metro. Una giornata trionfale per i colori azzurri che si era aperta con la beneaugurante vittoria del Setterosa, all'esordio contro il Canada, domato 10-4.

Sorride dunque Arianna Bridi, ventiduenne di Trento, alla prima medaglia iridata, dopo il terzo posto agli Europei di Hoorn 2016 che fa tornare sul podio mondiale nella distanza l'Italia dopo l'argento di Martina Grimaldi a Shanghai nel 2011. Ma c'è voluto il fotofinish e qualche minuto di apprensione perchè ciò accadesse, con la brasiliana Ana Marcela Cunha fino all'ultimo ad impensierire il bronzo della trentina: inizialmente la medaglia è stata attribuita all'azzurra, ma successivamente è stata giudicata ex-aequo con la brasiliana. La trentina si è dovuta arrendere solo ad una strepitosa Aurelie Muller, che si è confermata campionessa del Mondo. Al secondo posto invece, la sorprendente ecuadoriana Samantha Arevalo che ha fatto suo l'argento con un grande finale. Per Rachele Bruni il Mondiale resta invece ancora un tabù. La 26enne di Firenze, vice campionessa olimpica, chiude quinta in 2h00'21''4, dopo essere rimasta costantemente attaccata alla Muller e alla compagna di squadra dal sesto chilometro in poi.

Nel pomeriggio è arrivato poi il bronzo-bis di Giovanni Tocci, terzo nel trampolino da un metro dietro ai cinesi Jianfeng Peng ed He Chao. Stavolta il "doppio e mezzo indietro raggruppato" che gli era costato caro agli Europei vale la medaglia al cosentino e per l'Italia che torna sul podio dieci anni dopo l'exploit di Christopher Sacchin. "Non ci credo, non ci credo - ripete incredulo ed emozionato a fine gara - All'ultimo giro non ho pensato molto al podio quanto al tuffo. Lo sentivo abbastanza sicuro, ma dovevo farlo bene per conquistare la medaglia. Ci sono riuscito e sono contento. La considero una medaglia d'oro. Ho scritto a Tania Cagnotto. Mi aveva già dato dei consigli a Bolzano, mi ha aiutato molto anche in questi giorni",