Premium Sport

Serena Williams shock: "Ho rischiato di morire durante il parto"

La tennista americana: "Ora vorrei tornare in campo, ma vivo nella paura"

  • TTT
  • Condividi

"And then everything went bad". E poi tutto è andato male aveva detto Serena Williams in un'intervista alla rivista di moda Vogue, alla quale aveva raccontato la paura derivata da una gravidanza difficile e da complicanze post-partum che le hanno impedito di tornare all'attività agonistica. Adesso la tennista americana ha voluto spiegare tutto.

"Sono quasi morta dopo aver partorito mia figlia, Olympia. Però mi ritengo fortunata". È questa la frase con cui inizia la lettera della tennista americana, che spiega: "Ho avuto una gravidanza abbastanza facile, ma ho subito un taglio cesareo d'urgenza a causa del crollo della mia frequenza cardiaca. L'intervento - racconta - è andato bene, ma quello che è seguito solo 24 ore dopo il parto è stato terribile".

"Sono stati 6 giorni di incertezza a causa di un embolo polmonare - continua l'ex numero uno del mondo - la cicatrice del cesareo si è aperta per la tosse continua provocata dall'embolo e sono tornata in sala operatoria. Quando finalmente sono tornata a casa dalla mia famiglia ho dovuto trascorrere le prime sei settimane di maternità a letto. Adesso, nonostante le ansie, riconosco di essere stata molto fortunata. Ho una splendida bambina e punto a tornare in campo per vincere".