Premium Sport

Barcellona, Messi: "Manchester City e Psg favorite in Champions"

Leo individua le migliori d'Europa e "dimentica" la Juve: "Ci sono anche Real e Bayern. Italia fuori dal Mondiale? Il vostro calcio non è più lo stesso, guardate Inter e Milan"

  • TTT
  • Condividi

La quarta Scarpa d'oro conquistata dice che Leo Messi è stato ancora una volta il numero uno, almeno per gol segnati. Fa effetto, allora, sentire l'opinione del miglior giocatore del mondo (insieme a Cristiano Ronaldo) sul calcio italiano: ecco le principali dichiarazioni rilasciate alla Gazzetta dello Sport.

"Il calcio italiano negli ultimi anni non è più lo stesso. E credo che questo abbia a che fare non solo con la non qualificazione al Mondiale. Per esempio due grandi della Serie A come Milan e Inter non sono più quelle che erano una decina di anni fa e non vanno più in Champions, e questo riguarda tutto il calcio italiano. Piano piano stanno provando a risalire la china, soprattutto i due club milanesi devono tornare a essere competitivi a livello europeo. Nazionali come l’Italia o l’Olanda, che per decenni hanno partecipato alla Coppa del Mondo, in Russia non ci saranno e nessuno se lo sarebbe aspettato. Ma il calcio oggi è questo: anche le piccole nazionali o i piccoli club se ben organizzati possono complicarti la vita. Favorite al Mondiale? La Germania campione in carica, come sempre. Ma ci sono anche Brasile, Spagna, Francia. Ora sono le più forti".

"In Champions il Manchester City per me è la squadra più forte ora, insieme al Psg. Ma la stagione è molto lunga. E non dimentico mai il Real Madrid per quello che hanno e per la loro esperienza, anche se ora non sta ottenendo i risultati che tutti si aspettano. Poi c’è il Bayern, altra grande che sarà in lotta fino alla fine". Nessun riferimento alla Juve.

"La partenza di Neymar ha cambiato il modo di giocare del Barcellona. Abbiamo perso in potenziale offensivo ma abbiamo guadagnato nella fase difensiva. Ora siamo meglio organizzati in mezzo al campo, abbiamo più equilibrio e questo ci rende più forti in difesa".