Premium Sport

Dagli Usa: "Zuckerberg vuole Tottenham". Ma il club smentisce

Un fondo americano con a capo Mr. Facebook sarebbe interessato al club londinese, ma gli Spurs negano

  • TTT
  • Condividi

Mark Zuckerberg vuole entrare nel calcio, e l'obiettivo è il Tottenham. E' bastato un rumor finanziario in arrivo dagli Stati Uniti a scuotere la già ricca Premier League. E a costringere il club di Londra a emettere una nota ufficiale per precisare di non essere in alcun modo in vendita.

L'indiscrezione era stata pubblicata dall'autorevole Sunday Times: un fondo statunitense, con base a San Francisco, sarebbe stato interessato al club londinese, secondo nell'ultima Premier League. Stando all'anticipazione del domenicale, Iconiq Capital - una società che si occupa d'investimenti per conto dei milionari della Silicon Valley, Zuckerberg in testa - avrebbe voluto sbarcare in Premier League, individuando negli Spurs il club ideale.

Una notizia che ha immediatamente scatenato grande interesse e curiosità nel mondo calcistico d'Oltremanica, costringendo il Tottenham alla smentita. Secca e perentoria: nessuna trattativa di vendita, nessuna offerta di acquisto. Nè il fondo statunitense né Mark Zuckerberg, che del fondo è uno dei principali azionisti, hanno contattato il Tottenham, che peraltro - stando al comunicato emesso dallo stesso club - non ha in programma un aumento di capitale né l'ingresso di nuovi soci.

Anche perché le finanze del club sono sane e lo scorso marzo è stato completato il finanziamento del nuovo stadio, attraverso prestiti milionari di un consorzio di banche americane (Bank of America Merrill Lynch International Limited, Goldman Sachs Bank USA e HSBC Bank plc) che hanno deciso di sostenere economicamente la costruzione del nuovo impianto da oltre 61mila persone (nella prossima stagione gli Spurs giocheranno a Wembley).

Intanto, dopo aver comprato i diritti per trasmettere la Champions League negli Stati Uniti, l'interesse di Mr. Facebook per il mondo del calcio sembra diventare sempre più concreto. Si aspettano le prossime puntate.