Premium Sport

Mondiale 2018, l'Arabia Saudita chiama Ancelotti

I "figli del deserto" senza c.t. dopo l'esonero di Bauza: proposta economica allettante, ma il tecnico italiano dovrebbe rifiutare

  • TTT
  • Condividi

AAA, commissario tecnico cercasi. L'Arabia Saudita, a pochi giorni dal sorteggio mondiale, si ritrova senza allenatore e così, come aveva fatto Tavecchio prima di dimettersi, la federcalcio dello stato asiatico ha pensato a Carlo Ancelotti per giocarsi le proprie chance in Russia. A quanto pare il tecnico emiliano ha ricevuto già un'offerta, allettante dal punto di vista economico, ma sembra orientato a rifiutare: aveva preso tempo anche sulla Nazionale italiana che comunque potrebbe ripartire da lui una volta che si insedierà il nuovo presidente della Figc.

La federazione saudita si ritrova in questa situazione dopo aver deciso di esonerare Edgardo Bauza, che era in carica da nemmeno tre mesi, ovvero da settembre. L'argentino, che in precedenza, ad aprile, era stato esonerato anche dalla guida della nazionale del suo paese prima di essere sostituito da Sampaoli, era a sua volta subentrato all'olandese Bert van Marwijk, cacciato dopo aver fatto qualificare l'Arabia Saudita al Mondiale dopo 12 anni di assenza, probabilmente perché si era rifiutato di trasferire temporaneamente la propria residenza. Bauza ha guidato la nazionale saudita per cinque amichevoli e nelle ultime due ha perso contro Portogallo e Bulgaria.