Premium Sport

La Chapecoense accusa: "Aiuti concreti solo da Roma e Barcellona"

Le dichiarazioni del presidente de Nes a quattro mesi dalla tragedia aerea

  • TTT
  • Condividi

Il presidente della Chapecoense, David Plinio de Nes, quattro mesi dopo il disastro aereo che ha cancellato la squadra brasiliana, ha rivelato che, al di là delle parole o dei buoni propositi, le "uniche squadre a fornire un aiuto concreto al club sono state il Barcellona e la Roma".

"Solo questi due club si sono offerti di darci aiuto: i blaugrana si sono messi a disposizione, invitandoci al Trofeo Joean Gamper del prossimo agosto, il cui incasso verrà diviso a metà con il nostro club".

"Sono grato a tutti coloro che, in un modo o nell'altro, hanno "mostrato di essere solidali con noi", ha detto il presidente del club, che è risorto dalle ceneri di quel tragico incidente. "La Roma - ha aggiunto - ci ha offerto anche di disputare una partita, ma abbiamo un calendario molto fitto, con quasi tre partite alla settimana, ed è difficile trovare lo spazio per giocare".