Premium Sport

L'Uefa gli preferisce Modric, Ronaldo diserta la cerimonia

Marotta: "Scelta personale". Mendes: "Semplicemente ridicolo"

  • TTT
  • Condividi

Poco prima dell'inizio della cerimonia del sorteggio dei gironi di Champions League, un po' di preoccupazione a Montecarlo: dov'è Cristiano Ronaldo? L'attaccante non si vede, si pensa si sia intrufolato da un ingresso secondario ma, col passare del tempo, diviene chiara la scelta di disertare, probabilmente una volta saputo che non avrebbe vinto il premio di miglior giocatore della competizione per la scorsa stagione (andato a Modric).

"Una decisione personale del giocatore, presa nel corso della giornata - le parole a Sky di Marotta al riguardo - noi dobbiamo e vogliamo rispettarla. Da parte nostra rimane l'amarezza per la decisione di non assegnargli il trofeo. Il premio si riferiva alla Champions, non al Mondiale e quindi riteniammo lo meritasse Ronaldo. Non tolgo niente alla decisione della giuria ma, se io avessi potuto votare, avrei dato il voto a Cristiano".

Decisamente meno low profile il procuratore di CR7: "Il calcio si gioca all'interno di quattro linee e lì Cristiano Ronaldo è il vincitore. Ha segnato 15 gol, portando il Real Madrid sulle proprie spalle e conquistando un'altra Champions League. È semplicemente ridicolo. E in questione non c'è Modric, che è il migliore nel proprio ruolo" le parole di Jorge Mendes a Record.