Premium Sport

Roma, il raccattapalle perdona Ferreyra: "È un essere umano"

Matteo Cancellieri, talento della Roma Under 16, rassicura tutti su Instagram: "Sto bene". Il giocatore dello Shakhtar chiede scusa

  • TTT
  • Condividi

Si chiama Matteo Cancellieri il raccattapalle più famoso di Roma. Il ragazzo è diventato quasi un eroe nella Capitale dopo essere stato violentemente spinto da Ferreyra perché ritardava la consegna del pallone allo Shakhtar con i giallorossi in vantaggio 1-0. Classe 2002, l'attaccante della Roma Under 16 pupillo di Bruno Conti è stato soccorso dai medici dell'Olimpico e oggi attraverso Instagram ha commentato l'accaduto così: "Grazie a tutti coloro che si sono preoccupati, tutto bene per fortuna, è stato solo un gesto di rabbia incontrollata da parte di un giocatore! È un essere umano anche lui".

LE SCUSE DI FERREYRA

"Mi voglio scusare per la mia reazione con un raccattapalle nel corso del match. Ho avuto la possibilità di scusarmi già di persona ma volevo estendere le scuse a tutti i tifosi giallorossi e vi auguro il meglio in Champions". Così Facundo Ferreyra fa mea culpa su Instagram per lo spiacevole episodio che lo ha visto protagonista ieri all'Olimpico. 


 

Quiero felicitar a todos en AS Roma por la merecida clasificación a cuartos de final de la UEFA Champions League. Al mismo tiempo, quiero expresar mis disculpas por mi reacción con el ball-boy durante el partido de anoche. Tuve la oportunidad de disculparme personalmente con ellos al finalizar el encuentro pero quisiera hacerlo extensivo a “tutti i giallorossi” y desearles mucha suerte en la Champions League. I’d like to congratulate everyone in AS Roma for the deserved qualification to quarter-final stage in UEFA Champions League. At the same time I want to express my apologies for my reaction with a ball-boy during last night’s match. I had the chance to personally say sorry to them after the game but I’d like to ask for an extensive apologize to “tutti i giallorossi” and I wish all the best to you in this Champions League.

Un post condiviso da Facundo Ferreyra (@chukyferreyra) in data: