Premium Sport

"Psg, Thiago Silva bidone, Dani Alves punto debole"

Attacchi a Unai Emery e alle due ex star della Serie A dopo le due sconfitte di fila. E il presidente è nero: "Ci serva da lezione"

  • TTT
  • Condividi

L'attacco al Psg è già cominciato. Dopo aver vinto 19 partite delle prime 21 giocate nel corso della stagione, i francesi ne hanno perse due consecutive, una in campionato, a Strasburgo, e una in Champions, tutto sommato indolore, col Bayern, visto che Emery ha conservato comunque il primato del girone. Ma i due tonfi nel giro di tre giorni hanno mandato su tutte le furie la stampa francese e in parte anche la società.

"Sono molto deluso dal risultato - ha detto il presidente Nasser Al Khelaifi -, ma anche dal gioco, soprattutto nel primo tempo. Non abbiamo dato tutto in questa partita e non abbiamo giocatori così per venire qui e perdere 3-1. È una lezione per il futuro".

Le critiche sono arrivate anche dall'esterno: "Io mi pongo delle domande - spiega Leboeuf, ex difensore della nazionale -, perché Emery ha già perduto il 90% della panchina e si era visto anche a Strasburgo. Di Maria e Pastore sono già andati, Berchiche gioca pochissimo e Lo Celso l'ha fatto entrare due minuti. Così prende in giro tutti. Mi sembra che ci siano 12 giocatori, perché se non c'è Thiago Motta, gioca Draxler, al massimo 13 con Kimpembé, 13 e mezzo con Meunier che comincia a essere disgustato. E per vincere tuttto, sono un po' pochi". Frank Leboeuf

Dai media le critiche più pesanti, in particolare a Thiago Silva e Dani Alves. "Sul primo gol di Tolisso - ha commentato Riolo di RMC -, Thiago Silva lascia un buco enorme. Mentalmente ha dei problemi. È un bidone. Non ha il carattere per essere il capitano di questa squadra. Come si possono trovare scuse dopo una prestazione come quella col Bayern?". E su L'Equipe se la sono presa con Dani Alves: "Il punto debole più grande è stato chiaramente Dani Alves, non è in linea sul primo gol tedesco, non è attento sul secondo e si fa saltare da Coman sul terzo. Ci si aspettava il brasiliano su un altro livello in una partita così. Certo, hanno fallito anche altri: Neymar è stato inesistente".