Premium Sport

Ligue 1, il Psg batte il Monaco 7-1 ed è campione

Match senza storia come il campionato: a segno Lo Celso, Cavani, Di Maria e Draxler

  • TTT
  • Condividi

Il Paris Saint Germain strapazza il Monaco 7-1 e festeggia il settimo titolo della sua storia con una disarmante superiorità: e pensare che i monegaschi, indietro 17 punti a cinque turni dalla fine, sono secondi in Ligue 1 e campioni uscenti! Partita senza storia, dopo 27 minuti i parigini erano già avanti di quattro gol, uno più bello dell'altro. Azione corale al 14' con firma finale di Lo Celso (che poi farà doppietta), due minuti dopo stacco di testa imperiale di Cavani che poi servirà un assist rovesciato per Di Maria, delizioso nel battere Subasic con un pallonetto prima, e spietato nella ripresa con la persona doppietta. Rony Lopes si toglie lo sfizio di dare un minimo dispiacere al Parco dei Principi, Falcao sfortunato nell'autorete prima del gol di Draxler che chiude i giochi.

Ma se gli investimenti di Al-Khelaifi, oltre 400 milioni di euro spesi in estate (anche se, formalmente, i 190 milioni di euro per Mbappé verranno sborsati l'anno prossimo), non hanno portato i risultati sperati in Champions League, nel campionato francese non c'è stata storia. Una squadra che nel match decisivo può permettersi di rinunciare a giocatori come Neymar (che sta recuperando dall'infortunio), Verratti (in tribuna per infortunio), Kimpembé (squalificato) e lo stesso Mbappé (in panchina, per lui secondo titolo consecutivo) riuscendo a segnare sette reti ai rivali è semplicemente di un altro pianeta.

Il Psg insegue ancora vari record in Ligue 1 e niente sembra poterlo fermare: i 100 punti (impresa mai riuscita a una squadra francese), le vittorie di fila (è a quota 10, 12 è il primato dello scorso anno del Monaco), le reti in campionato (è a quota 103, nel 1959-60 il Racing Club arrivò a 118), i risultati utili consecutivi in casa (è a 40, il Nantes arrivò a 54) e le vittorie in campionato (è a 28, il Monaco a quota 30 nel 2016/17).

Nel trionfo stona un unico particolare, di nome Unai Emery. Il tecnico spagnolo ha vinto sei trofei in due anni (e c'è ancora una finale di coppa di Francia da giocare) ma a fine anno pagherà il flop europeo: Tuchel riuscirà dove i vari Ancelotti, Blanc e Emery hanno fallito?