Premium Sport

Psg, destino segnato per Emery: Al Khelaifi vuole Allegri

Il presidente avrebbe già in mente il successore: Simeone, Conte e Luis Enrique le alternative

  • TTT
  • Condividi

Nuova bufera sul Psg e soprattutto sul suo tecnico Emery dopo la doppia sconfitta con Strasburgo e Bayern Monaco dell'ultima settimana. Le parole pronunciate a caldo dal presidente Al Khelaifi dopo il ko di Monaco ("Sono molto deluso, non si viene qui per perdere 3-1") sono state interpretate dai media francesi come una sentenza per Emery.

Stando a quanto scrivono i giornali transalpini, la dirigenza del club parigino avrebbe già in mente il nome del successore: Massimiliano Allegri. Il tecnico della Juventus è il primo di una 'short list' che include, in alternativa, anche Antonio Conte, Diego Simeone e Luis Enrique.

Che l'allenatore bianconero piaccia molto a Parigi in realtà non è una novità visto il corteggiamento della scorsa estate, ma da Doha era poi arrivata l'indicazione di dare tempo a Emery (per non ripetere gli errori del passato come la rottura con Ancelotti del 2013), a cui la dirigenza ha regalato rinforzi del calibro di Neymar e Mbappé.

Dopo la deludente stagione dello scorso anno, col secondo posto in campionato e la clamorosa remuntada subita dal Barcellona in Champions, i dirigenti del Psg avevano dato una seconda chance al tecnico spagnolo, ma ora il tris subito in Baviera sembra aver definitivamente convinto i vertici del Psg che è l'ora di una svolta.

Il tecnico spagnolo è finito nel mirino della critica, Le Parisien lo ha stroncato ("Non è né l'uomo di grinta, né colui che seduce per le scelte tattiche che vogliono farci credere. Anzi, è tutto il contrario"), ma anche l'Equipe non ci è andata giù leggera: "Non ha presa sui giocatori e ha difficoltà a trovare le risposte giuste in partite importanti, dimostrando i suoi limiti".

Limiti che nelle idee dei dirigenti dei parigini non ha Allegri, che davanti al ricco progetto francese ovviamente non rimarrebbe indifferente. Il bianconero però è sotto contratto fino al 2020, così il club dell'emiro del Qatar monitora pure i mal di pancia di Conte al Chelsea e la posizione di Simeone all'Atletico Madrid. Tra i nomi in circolazione c'è anche quello di Luis Enrique, che sarebbe libero da subito.