Premium Sport

Supercoppa di Francia, Monaco-Psg 1-2: Dani Alves devastante

Gol e assist per il brasiliano ex Juventus, i parigini conquistano il primo trofeo stagionale

  • TTT
  • Condividi

Trascinato da un Dani Alves versione superstar il Psg batte 2-1 in rimonta il Monaco nella finale di Supercoppa di Francia e si porta a casa il primo trofeo della stagione, ristabilendo quelle gerarchie sovvertite lo scorso anno dalla vittoria del titolo da parte dei biancorossi. Partita molto divertente allo "Stade Ibn Batouta” di Tangeri, dove i monegaschi vanno in vantaggoi nel finale del primo tempo grazie a Sidibe, ma poi a inizio ripresa subiscono il pari di Dani Alves, che pennella una punizione all'incrocio e venti minuti dopo pennella un cross sulla testa di Rabiot che vale il 2-1 dei capitolini. Nel finale il Monaco, che paga le tante cessioni e la scarsa vena di un Mbappè in ombra, ci prova ma senza fortuna, fanno festa Verratti e compagni. 

Jardim si affida davanti al talento del 18enne Mbappè e all'esperienza di Falcao, Emery risponde con Dani Alves alto nel tridente insieme a Cavani e Pastore (Di Maria è squalificato). Partita subito intensa dai primissimi minuti, col Monaco che attua un pressing molto alto e impedisce ai parigini di impostare l'azione in tranquillità. Alla prima sortita offensiva, però, il Psg sfiora il gol proprio con il brasiliano ex Juve, che "rischia" di bagnare l'esordio con un gol. La risposta monegasca è affidata a Mbappè, ma il suo gol viene annullato per fuorigioco. Dopo i fuochi d'artificio iniziali, il ritmo si abbassa un po' ma la partita resta molto equilibrata fino al finale della prima frazione, quando Marquinhos si fa trovare colpevolmente in ritardo sul fuorigioco e spalanca la via della porta a Sidibe, che con un dolce pallonetto batte Areola e festeggia al meglio il suo 25esimo compleanno.

La ripresa inizia con gli stessi 22 in campo, la prima occasione è del Monaco, ma dopo cinque minuti il risultato torna in parità grazie a Dani Alves, che si inventa una clamorosa punizione dal limite che si infila all'incrocio e non dà scampo a Subasic. Il pareggio mette le ali ai parigini, Verratti inventa e lancia in verticale per Cavani, steso da Glik al limite. Solo giallo per l'ex Toro e Dani Alves torna sul pallone, ma questa volta la sua punizione si infrange sulla barriera. Il brasiliano che in estate ha detto addio alla Juve è dominante e serve cross a ripetizione: prima pesca Cavani che mette fuori da buona posizione, poi a metà ripresa dal suo destro nasce l'assist per Rabiot, che anticipa di testa anche il Matador e porta in vantaggio i suoi. Il Monaco accusa il colpo, Jardim toglie un evanescente Mbappè per Carrilo, Emery risponde inserendo Matuidi per Thiago Motta. Il Psg prova a controllare il pallone e il ritmo, il Monaco si getta in avanti e lascia qualche spazio di troppo di cui rischia di approfittare ancora Dani Alves, a dieci dal termine Areola si supera sul colpo di testa di Carrillo e poi Thiago Silva salva miracolosamente sulla ribattuta. L'ultima occasione della gara è per Falcao, ma il suo colpo di testa finisce fuori e a Parigi esplode la festa.

Per il Psg è la quinta Supercoppa vinta negli ultimi cinque anni, in attesa dell'arrivo di Neymar c'è un brasiliano che sta già facendo impazzire i tifosi sotto la Torre Eifel. 

Sidibe, cucchiaino delizioso

Dani Alves, punizione capolavoro

Rabiot beffa anche...Cavani