Premium Sport

Iniesta, futuro in Cina: convinto con due milioni di bottiglie di vino

"Ho già deciso" ha detto lo spagnolo dopo il Valencia, andrà al Tianjin di Paulo Sousa

  • TTT
  • Condividi

Il futuro di Don Andres Iniesta rimane uno dei grandi punti interrogativi del prossimo calciomercato estivo, il centrocampista spagnolo, per cui sembra ormai definitivamente sfumata la suggestione Juventus, è in scadenza di contratto con il Barcellona e lo scorso weekend ha annunciato di aver già deciso cosa farà nella prossima stagione.

"So cosa ho intenzione di fare - ha dichiarato il 34enne al termine della vittoria per 2-1 sul Valencia, successo che ha decretato la più lunga striscia d'imbattibilità di sempre in Liga (39 giornate) - Quando sarà il momento di dirlo, lo dirò. Prima al club, poi all'allenatore e infine al mondo intero. Tutti, in un modo o nell'altro, possono capire le mie parole. L'amore e il rispetto delle persone che ho ora ci saranno sempre - ha continuato Iniesta - Non è qualcosa che possa farmi cambiare idea. Sono grato a loro, questa è casa mia".

Parole che sanno di addio, o almeno di questo sono convinti in Cina, dove scrivono che il centrocampista che ha vinto tutto coi blaugrana e con la Spagna firmerà con il Tianjin di Paulo Sousa, dove giocano anche altre vecchie conoscenze del calcio europeo come Modeste, Witsel e Pato. L'ingaggio, sempre secondo i media cinesi, sarebbe faraonico (25 milioni l'anno), ma non sarebbe stato questo "dettaglio" a convincere Iniesta: in Cina, infatti, il fuoriclasse azulgrana potrà coltivare la sua grande passione...vinicola.

Il ricco accordo con il Tianjin prevederebbe, e questo sarebbe stato l'elemento decisivo, anche la commercializzazione del suo marchio di vino. Lo spagnolo venderà il "Bodega Iniesta" in Cina e 'Marca' parla di circa due milioni di bottiglie all'anno. Non solo la visione di gioco, anche quella imprenditoriale...