Premium Sport

Russia, il medico ammette l'uso dell'ammoniaca

Dopo le accuse dalla Germania: "Solo oli profumati, altro che doping"

  • TTT
  • Condividi

La notizia aveva fatto troppo rumore: Russia accusata di doping da Bild e Süddeutsche Zeitung, nel mirino sostanze inalate dai giocatori nelle pause dei match contro Spagna e Croazia, probabilmente ammoniaca.

La risposta ufficiale è arrivata per voce del medico della nazionale russa, Eduard Bezughov, anche se in due tempi: prima aveva negato tutto "solo fantasie" poi ha ammesso che i giocatori hanno annusato "semplici oli profumati che si usano da molti anni nel mondo dello sport in svariati Paesi. Ci vuole una spiccata fantasia per associare dei semplici sali profumati al doping. E poi l'ammoniaca viene usata da molti nella vita di tutti i giorni, la puoi comprare liberamente in farmacia e non ha nulla a che vedere con il doping".

Non è raro, infatti, che molti ciclisti posizionino batuffoli di cotone imbevuti di ammoniaca nelle narici prima delle partenze di tappe perché favorirebbe la respirazione e l'ossigenazione del sangue.