Premium Sport

Inter, Ausilio: "Su de Vrij abbiamo avvertito la Lazio a marzo"

Il ds dei nerazzurri risponde a Tare e poi assicura: "Icardi non è sul mercato"

  • TTT
  • Condividi

A pochi giorni dallo spareggio con la Lazio che dirà se l'Inter raggiungerà il proprio obiettivo stagionale centrando la Champions League, continuano a tenere banco le polemiche scatenate dal caso de Vrij: "Le parole di Tare su de Vrij? Quando sento parlare di caso de Vrij non capisco di cosa stiamo parlando - ha detto il ds dei nerazzurri, Piero Ausilio, a Premium Sport - l'ho già chiarito: la Lazio è stata informata in modo ufficiale ai primi di marzo, dopo qualche giorno abbiamo raggiunto l'accordo e poi abbiamo depositato il contratto in Lega. Da quel giorno per noi non è cambiato niente e non sono cambiate neanche le prestazioni del giocatore sul campo, mi sembra che stia facendo molto bene anche come attaccante, visti i gol, e addirittura come portiere... Non c'è niente da discutere, tanto meno il comportamento dell'Inter: stimo Tare, potevo chiamarlo, ma abbiamo pensato fosse meglio una comunicazione ufficiale per iscritto. Ma ripeto, si parla di marzo".

La testa va poi ovviamente alla delicatissima sfida di domenica all'Olimpico: "Volevamo giocare la partita con la Lazio - ha detto Ausilio - la Champions è il nostro obiettivo da inizio anno. Questa è stata una stagione positiva, ci siamo migliorati sotto tutti gli aspetti, l'Inter è la squadra più migliorata rispetto all'anno scorso e i giocatori sono migliorati come qualità e consapevolezza. Siamo dove volevamo essere, siamo tutti carichi ed estremamente motivati per la sfida di domenica contro la Lazio".

Una partita che potrebbe condizionare pesantemente anche l'estate dei nerazzurri, che senza i soldi della Champions potrebbero essere costretti a vendere almeno un big, ma a sentire Ausilio non sarà Mauro Icardi: "Icardi non è sul mercato, ha tre anni di contratto, la volontà è quella di migliorare il nostro rapporto. Non abbiamo mai intavolato alcuna trattativa per lui, il suo futuro non dipende dal piazzamento in Serie A. Può andare via solo dietro il pagamento della clausola - ha aggiunto - Il bene dell'Inter Icardi lo può fare aiutando la squadra ad arrivare in Champions".

"Il futuro di Luciano Spalletti è all'Inter, indipendentemente dalla Champions - conclude Ausilio - Il giudizio su squadra e allenatore rimarrà positivo anche senza il quarto posto. E con Spalletti valuteremo la possibilità di allungare il contratto oltre l'attuale scadenza (giugno 2019, ndr) come nelle idee della dirigenza".