Premium Sport

Juve, da Bernardeschi a Matuidi: è tutto bloccato

Quante difficoltà per i bianconeri: la Fiorentina fa muro, il Psg non tratta, Conte non vuole che Matic venga a Torino. E in difesa non arriva nessuno

  • TTT
  • Condividi

Non è un bel momento per Beppe Marotta e per i tifosi della Juve. Preso Douglas Costa, sicuramente un ottimo rinforzo, tutti gli altri obiettivi stanno sfumando, per un motivo o per un altro.

Sembrava fatta per Bernardeschi, ad esempio, e invece siamo entrati in una fase delicata con Juve e Fiorentina tutt'altro che vicine: le due società sono ferme a questioni di principio (e di soldi, naturalmente), come ha raccontato il nostro Paolo Bargiggia a Premium Sport News. La Fiorentina valuta Bernardeschi 50 e ha rigettato un'offerta da 40 milioni più bonus molto difficili da raggiungere. I viola chiedono che i bonus cambino, in modo tale che ci sia più possibilità che in futuro si concretizzino in altri incassi per il club. C'è un po' di tensione, l'agente Beppe Bozzo sta lavorando alla riapertura della trattativa. Il problema è che non c'è possibilità di contropartite, perché Pjaca e Sturaro hanno rifiutato i viola. Molto probabilmente Bernardeschi dovrà andare in ritiro con la Fiorentina giovedì e l'affare sarà ripreso al rientro della Juve dalla tournée, con il rischio di interferenze di altri club.

A centrocampo sono usciti dall'orbita Matuidi e Matic: la proprietà del Psg non vuole trattare con la Juve, mentre per Matic (Chelsea) c'è la resistenza di Conte a farlo venire in bianconero. Così alla Juve restano due possibilità: pagare la clausola di 40 milioni al Siviglia per N'Zonzi, il preferito di Allegri, aprire una trattativa col Liverpool per Emre Can quando i Reds avranno preso un suo sostituto. In difesa è ormai quasi certo che Caldara non arrivi: Percassi ha dichiarato che non si muoverà. Al momento l'ipotesi è che Bonucci non venga sostituito e che Allegri punti su Rugani.