Premium Sport

Juventus, l'U15 offende Napoli: "Usa il sapone". La Figc: "No al ritiro"

Prima il video, poi le scuse. I bianconeri: "Ci saranno sanzioni". Per ora dovranno seguire un corso...

  • TTT
  • Condividi

Juventus-Napoli, semifinale scudetto del campionato under 15 terminata 3-0 per i bianconeri, si trascina dietro brutte conseguenze. Un giocatore juventino, Luciano Pisapia, ha pubblicato su Instagram il video dei festeggiamenti dopo la partita, a un certo punto parte il coro: "abbiamo un sogno nel cuore, Napoli usa il sapone". Pisapia si è poi scusato: "Era solo l'euforia e la gioia di aver vinto contro una squadra rivale. Mi scuso per questo, non volevo offendere nessuno" ma intanto le polemiche social erano già montate. La Juventus, tramite un tweet, ha fatto sapere che " il club si riserva di accertare con precisione i fatti e di decidere le relative sanzioni disciplinari nei confronti dei propri tesserati". L'a.d. Marotta ha rincarato la dose: "Il coro è un atto da condannare. Non ci sono attenuanti in merito ma non è giusto pensare solo ad un provvedimento disciplinare nei loro confronti. Serve analizzare, da dirigente e genitore, quello che è accaduto. Dobbiamo essere più diretti e incisivi nell'attività di prevenzione di quello che è un atto da biasimare ma che è riferito a ragazzi di 14 anni. Il calcio ha anche una valenza sociale: dobbiamo dedicarci ai ragazzi con saldi principi di educazione, sono gli uomini del futuro''

La decisione

Prima sentenza relativamente morbida per l'intera squadra Under 15 della Juventus che rischiava l'esclusione dal campionato e invece, per i cori anti-Napoli - stando a quanto si legge sul comunicato Figc - "seguirà un corso sul rispetto dell'avversario e del corretto uso degli strumenti digitali in attesa di eventuali provvedimenti disciplinari". "L'analisi dell'episodio - fa sapere la Figc - ha riguardato anche i rilevanti riflessi mediatici che il video ha causato, amplificando un coro, che, comunque, deve essere stigmatizzato e rappresenta un fatto grave, anche perché compiuto a livello di settore giovanile".

La Juventus "ha manifestato la più ampia disponibilità nel censurare l'evento, valutando anche la possibilità di ritirare la compagine Under 15, cosa che però - spiega sempre la Figc - avrebbe compromesso il regolare svolgimento del campionato". "Per tutelare i principi di lealtà e correttezza sportiva - prosegue la nota -, Figc e Juventus hanno condiviso per i ragazzi un percorso formativo, che inizierà subito, sulle tematiche del rispetto dell'avversario e del corretto uso degli strumenti digitali".