Premium Sport

Milan, Fassone: "Derby il 4 aprile? L'Inter ha detto no ad altre date"

L'a.d. rossonero: "Avremmo giocato in un giorno festivo, il regolamento ha permesso loro di rifiutarsi. Gattuso ha un talento innato"

  • TTT
  • Condividi

L'intervista è finita, ma Marco Fassone ci tiene a precisare una cosa: "Ho visto alcune reazioni sulla decisione di giocare il derby in un giorno feriale - spiega a Premium Sport l'a.d. del Milan -. Noi abbiamo fatto di tutto, abbiamo provato a dire anche a Malagò di giocare il 25 aprile o il 1° maggio, ma l’Inter ha detto di no. C'è un regolamento che gliel'ha permesso. Speriamo di vedere tanti tifosi come due giovedì fa contro l’Arsenal, quando la partita era di giovedì alle 19 e c'erano 70 mila spettatori. Chi ha il biglietto e non può venire, può cederlo facendo il cambio nominativo on line. Sto cercando di creare qualche altro aiuto per i tifosi che non possono venire". Arriva così la risposta del Milan all'Inter e in particolare a Spalletti che sulla scelta di recuperare la partita il 4 aprile alle 18.30 si era espresso parlando proprio di regole.

Fassone ha parlato di altri temi, a partire dalla vittoria sul Chievo: "Non vincere oggi avrebbe potuto creare contraccolpi psicologici importanti. È stata una partita complicata. Oggi il Var ha confermato di essere importante, se ci fosse stato giovedì in Europa League magari anche quella partita sarebbe finita diversamente. Vincere oggi è un segnale importante”.

“Il lavoro di Gattuso è di grande qualità. Anche dall’Europa League siamo usciti a testa alta. Con lui c’è un ottimo rapporto, il rinnovo arriverà nel momento giusto. Questa settimana non penso che succederà qualcosa perché sono impegnato in giro per il mondo, ma arriverà a breve il momento. Lui ha un talento incredibile, capisce le situazioni nel modo migliore. Lui non ha solo grinta, ma ha anche una capacità incredibile di motivare e di entrare nella testa dei giocatori. Kalinic? Gattuso ha il totale appoggio della società. Ci ha chiamati per dire cosa aveva visto, credo sia stata una decisione corretta”.

"Reina? Non lo abbiamo ancora preso. Se ci fosse questa opportunità, non penso sia una brutta cosa. Avere i due Donnarumma e Reina non sarebbe male. La proprietà non ci sta facendo mancare nulla. Il rapporto con Elliott è molto buono, è un fondo molto importante. Se ho bisogno di qualcosa sono molto disponibili. Noi abbiamo bisogno circa 30 milioni per completare la stagione, i soldi arriveranno nel momento giusto".