Premium Sport

Milan, gelo tra Mirabelli e la famiglia Donnarumma

Secondo la ricostruzione di Gazzetta e Corriere della Sera, papà Alfonso ce l'avrebbe col d.s. per la gestione di Antonio

  • TTT
  • Condividi

La pace apparente è durata poco. Mentre Gigio Donnarumma assicura di essere "sereno e contento", scoppia un nuovo caso rilanciato dai media: secondo la ricostruzione di Gazzetta dello Sport e Corriere della Sera, sarebbe calato il gelo tra la famiglia del portiere e il d.s. Massimiliano Mirabelli. Le visite mediche di Pepe Reina non hanno nulla a che vedere con questo retroscena e al massimo potrebbero essere la conseguenza, non la causa dell'attrito.

Stando a quanto rivelato dai due quotidiani, l'ultima volta che papà Alfonso e Mirabelli si sono incrociati, ci sarebbe stato un saluto non ricambiato. Il motivo del risentimento è duplice: la gestione di Antonio Donnarumma, al quale era stato promesso il ruolo di secondo che effettivamente gli è toccato (in Coppa Italia nel derby con l'Inter e in Europa League nel ritorno contro il Ludogorets) solo in seguito agli infortuni di Storari (che in precedenza, contro Shkendija e Rijeka, gli era stato preferito); il mancato impedimento alla Curva Sud sullo striscione esposto a dicembre contro i fratelli Donnarumma, prima che la stessa facesse pace con Gigio.

Secondo la Gazzetta dello Sport, Antonio Donnarumma non avrebbe lasciato la Grecia a dispetto del ricco stipendio offerto dal Milan senza la garanzia di fare il secondo al fratello, mentre papà Alfonso è convinto che il club sapesse dello striscione ("Ora vattene, la pazienza è finita") e non ha fatto nulla per evitare che fosse esposto. "Vado avanti sereno", ha detto comunque Gigio. Ma l'operazione Reina e questo nuovo attrito (oltre alle parole di Raiola) fanno pensare che andrà avanti sì, ma solo fino a giugno.