Premium Sport

Napoli, AdL: "Per lo scudetto stiamo arrivando"

Il presidente azzurro punge la Juve: "Noi non facciamo i catenacciari"

  • TTT
  • Condividi

Il Napoli vince e convince e mette nel mirino il secondo posto della Roma che vuol dire Champions diretta, il suo presidente Aurelio De Laurentiis gongola, ma coglie anche l'occasione per tenere acceso il fuoco delle polemiche legate con la Juventus.

Intervenuto in diretta a Radio Kiss Kiss, il numero uno azzurro ha esordito facendo gli auguri a tutti i tifosi del Napoli ("Sono ben 120 milioni nel mondo") e a giocatori e staff e poi commentando il successo sull'Udinese ha detto: "Noi non facciamo i catenacciari. Io sono uno che è sempre vissuto nel mondo dello spettacolo, voglio avere una squadra che gioca un calcio apprezzato in tutta Europa. Ma guai a peccare di superbia. Voglio un calcio che fa sensazione e che si gioca con spudoratezza a testa alta. I criticoni parlano di esperienza, mio padre avrebbe detto "jatevenne" (andatevene, ndr)", ha aggiunto.

AdL poi esalta il ruolino di marcia della 'banda' di Sarri e punta la Roma: "Il Napoli sta disputando una grande stagione: abbiamo gli stessi punti dello scorso anno, nonostante la Champions (e non l’Europa League) che ha causato un maggior dispendio di energie psicofisiche. Abbiamo segnato 95 gol, e senza Milik che a inizio stagione ne aveva realizzati sette. Nelle ultime 18 di A ne abbiamo vinte 14 e pareggiate 3, nel girone di ritorno siamo al pari della Juventus. In Coppa Italia siamo stati penalizzati nella partita d’andata, puntiamo al secondo posto che varrà l’accesso diretto".

"Ma la stagione non è ancora finita - conclude De Laurentiis - vogliamo migliorare il record dei punti, dei gol fatti e delle vittorie in trasferta. Per lo scudetto stiamo arrivando, un passo alla volta".